Category Archives: consigli per gli acquisti

cose da vedere

tanti auguri a me

oggi e' il mio compleanno e volevo ringraziare dell'amoroso supporto tutte le persone che m'hanno coccolato, rincuorato, abbracciato da lontano e fatto patpat sulla capoccetta nel momento del bisogno. con un sms quelle piu' vicine, con un commento dolce nel blog o andando a ripescare la mia mail personale tutti gli altri e le altre…

primo: vi voglio bene, grazie di esserci anche da lontano

secondo: e' vero.

erano gli ormoni a farmi sbarellare, ai quali si aggiungevano altri stress piu' o meno superati.

Continue reading tanti auguri a me

stasera, se siete a Roma

non perdetevi Crack, fumetti dirompenti al Forte Prenestino.

si festeggia il decennale di Torazine, meraviglioso compendio di tutte le cazzate piu' incredibili che e' stato bello spacciare come filosofie di vita o vere e proprie svolte durante la mia infinita tardoadolescenza…

come dimenticare la psicogeografia del cesso del dottor RotaMasada o la trapanazione del cranio come soluzione agli affanni della limitatezza dell'eta' adulta?

superchicca kamikaze

Continue reading stasera, se siete a Roma

madri, padri e figli (visto che siamo in argomento…)

approfitto del mio status attuale di blog tra i piu' attivi di questa impareggiabile piattaforma per consigliarvi la lettura di due articoli molto interessanti apparsi nella blogosfera. il mondo blog si rivela ogni giorno di piu' uno spazio informativo molto piu' ricco e vario delle testate giornalistiche – che in genere nelle versioni online sono anche piu' povere di riflessioni e originalita' che nel cartaceo. Continue reading madri, padri e figli (visto che siamo in argomento…)

gh (de poesia)

La reina de las ciruelas


Oh! Reine-Claudie
Jo t’estim pel demati’
Oh! petita pruna
Jo t’estim sota la lluna
Y sobre la luna te comere’
como a una ciruela, Claudia;
Royendote los huesos
Tragandome tu alma
Corre corre corre
Vuela vuela vuela
que en mi huerto yo no quiero
que aparezca otra ciruela.
El verano te saluda
pintandote la piel de rojo
mientras yo intento alcanzarte
Pero salto y no te cojo.

(el dibujo es de mi amiga y reina Claudia, mientras esta delicia de poema es de Irene Cerro Valero. agradezco mucho a las dos.)

Continue reading gh (de poesia)

anche quest’anno

anche quest'anno affido al talento pazzesko i miei svogliati e ritardati auguri.

sono in pieno trasloco verso una precarieta' piu' precaria e devo riconoscere che prendo la cosa abbastanza bene. se non fosse per il fatto di dover impacchettare e trasportare pesanti valige di qua e di la', sarebbe una festa con tanto cava catalana a sbattezzare il luogo che e' stato la mia casa barcellonese per un anno circa.

ma poi, davvero sono solo le valige? (e soprattutto, si scrive valige o valigie?)

il fine ultimo della vita del saggio e' quello di non aver bisogno di niente e pure di nessuno, credo lo dicano i monaci zen e altri saggi manichei della stessa risma… e' una regola che da anni cerco di fare mia, con notevole insuccesso e lacrime di rabbia ogni volta che mi capita di perdermi qualche pezzo per strada.

a sto giro pero' non piango.
tra le valige e la fatica del lavoro e un desiderio che ormai mi sconvolge gli ormoni davvero non ho la forza di stare a recriminare e a dare capocciate nel muro.

una sorella non ti lascia mai del tutto, diceva un poeta di centocelle.
Vysotsky invece sosteneva:
torna tutto, tranne i migliori amici e le donne piu' amate, quelle adorabili, le piu' fedeli.
(ho confuso in un primo tempo sto russo con Boris Vian, in quanto entrambi appartenenti al mio periodo antimilitarista giovanile)

e oggi io, che non sono nessuno e che a volte non sostengo nemmeno il mio proprio sguardo, con gli occhi stretti e il cuore che e' un sassolino
mi ritrovo sorridendo a confidare nel prossimo giro…