LA CONTRASESSUALITÁ’ COME TECNOLOGIA DI RESISTENZA

Laboratorio pratico di sperimentazione di forme di contatto e comunicazione corporea

La nozione di contrasessualitá – proposta da Beatriz Preciado – parte da un’analisi critica della differenza sessuale e di genere e ha come obiettivo il superamento delle performativitá normative del sesso e la produzione di forme di piacere/sapere alternative.

Il laboratorio si propone di facilitare un contatto corporeo tra le persone che partecipano all’esperienza attraverso una metodologia basata sul confronto verbale dei vissuti e dei desideri – e sull’attuazione di una serie di giochi di gruppo pensati per sdrammatizzare e demistificare l’alone morboso che accompagna l’idea normativa di sessualitá e la sua materializzazione.

La finalitá del laboratorio è quella di costruire un contesto accogliente e stimolante nel quale acquisire consapevolezza collettivamente e singolarmente rispetto alle infinite possibilitá del corpo di dare e ricevere piacere al di fuori degli schemi dell’eteronorma.

foto di Simona Pamp, courtesy Le ragazze del porno

foto di Simona Pamp, courtesy Le ragazze del porno

2 Responses to LA CONTRASESSUALITÁ’ COME TECNOLOGIA DI RESISTENZA

  1. elisa says:

    WOW! pensi di far qualcosa domenica 6 ottobre a Bologna? o magari a Roma più avanti? 😀

  2. Silvia says:

    Cara Slavina,
    a quando i tuoi prossimi laboratori in Italia?

    Ti volevo inoltre chiedere: dove posso trovare il tuo video “Dildotettonica per principianti”? Non lo trovo da nessuna parte! Come non trovo i video su Mysex…
    🙁

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *