Category Archives: pornolandia

post e pornografie

Pornosotrx a Bologna!

Pornosotrx è stato uno dei miei primi progetti di pornografia “sociale” (in cui proponevo un formato e fornivo le conoscenze tecniche per realizzarlo). si basa sulla sfida di lavorare sottraendo l’immagine (e il suo autoritarismo) alla dimensione del desiderio, che in questo caso nasce nel buio e ti prende per le orecchie.

unisce piú livelli, quello della scrittura erotica, quello dell’interpretazione e l’elaborazione sonora.

RADIO PORNOSOTRX

per questo sarà diviso in due parti:
giovedí 19 novembre dalle 19.30 alle 22.30 laboratorio di scrittura
venerdí 20 novembre dalle 19.30 alle 22.30 realizzazione delle clip audio con Audacity (software libero, per ricordarci che nel mare di “servizietti” web apparentemente gratuiti qualcosa di veramente libero ancora c’è)

il luogo in cui lo faremo è segreto (sappiamo per esperienza diretta che anche nella “città più libera del mondo” chi ospita esperienze pornografiche assume un rischio – nel 2015. anche se si tratta di pornografia etica, femminista, consensuale e tra persone adulte. non gli bastano lo sfruttamento sul lavoro e gli sgomberi degli spazi autogestiti, è proprio l’autodeterminazione che dá fastidio al Potere. e rivendicarla è un atto più radicale di quanto si possa immaginare – quindi come carbonare scegliamo strategicamente, per questa volta, di non essere visibili ne’ tracciabili, per quanto ci è possibile)

le clip potranno diventare pubbliche (sarà l’occasione per dare una botta di vita alla web di Pornosotrx, che è un po’ abbandonata da anni e sopravvive grazie alla generositá e alla simpatia dell’oste – il supereroe che ci concede l’hosting), altrimenti rimarranno di proprietà di chi le ha create
(qui una clip esplicativa – il mix audio fa un po’ schifo ma è la prima che facevo)

il laboratorio vorrebbe essere misto, anche se le iscritte finora sono tutte donne.

c’è ancora qualche posto libero, se ti interessa e/o vuoi avere più informazioni scrivi a ziaslavina@gmail.com

Etica, arte, business: politiche della nuova pornografia

presentazione per Genderotica (Esc, sabato 23 maggio, ore 14.30)

Dalla radicalitá del postporno alle microimprese pay per view fino ad arrivare agli esperimenti tecnologici del cybersesso, il panorama pornografico contemporaneo si presenta ricco, eterogeneo e a volte contraddittorio. Il tratto unificante di esperienze cosí diverse è il fatto di essere entrate (in maniera piú o meno virale) nell’ambito della produzione culturale di serie A, influenzando il mainstream e direzionandone i gusti. Per un Rocco Siffredi pentito e arreso alla morale nazionalpopolare ci sono centinaia di pornostar della porta accanto che hanno fatto delle politiche di produzione del piacere il loro campo di battaglia e il loro mezzo di sostentamento.
Slavina racconta le loro storie ed esamina criticamente le loro proposte, presentandoci l’avanguardia del lavoro sessuale e del desiderio contemporaneo.

Ethics, Art and Business: Policies of the New Pornography.
From the radical approach of Post-Porn through the pay per view small companies to the technological experimentations of cyber-sex, the contemporary pornography landscape presents itself as rich, heterogeneous and at times contradictory. A piece of common ground such distinct experiences share is the (more or less) viral venture that lifted them to the sphere of first class cultural production by influencing mainstream attitude and taste.
For every repented and surrendered to national-popular morals Rocco Siffredi, there are hundreds of next-door pornstars that have turned pleasure-production policies into their political battleground and source of income.
Slavina tells their stories and critically examines their propositions presenting us the avant-garde of sex working and present-day desire.

(traduzione all’inglese di Danai Vafiadis, che ringrazio)

Art for porn – le mie raccomandazioni (capitolo 1)

Comincia oggi a Milano un evento che forse non ha bisogno di presentazioni (ma io lo presento lo stesso, perché ridondare è bello).

Art for Porn è un’iniziativa delle Ragazze del porno, gruppo di cui faccio parte e la cui natura, scopi e risultati incuriosisce come scimmie amiche, sodali e conoscenti. Questo post peró non è pensato per soddisfare la vostra curiositá in proposito ma per ringraziare alcune persone che hanno messo a disposizione la loro arte per aiutarci nel compito (abbastanza ingrato per delle creative ma ormai ahimé necessario per chiunque voglia produrre cultura) di guadagnare dei soldi per avere i mezzi tecnici che ci consentano di portare avanti il nostro progetto.

Continue reading Art for porn – le mie raccomandazioni (capitolo 1)

SONO STATA A UN CABARET POSTPORNO – e da allora continuo a pensarci… (di Grazia Marostica)

(contributo critico ricevuto attraverso la Rete, lo pubblico con piacere con molti ringraziamenti all’autrice)

 

26 settembre 2014 – Magazzino 47, Brescia.
Becchiamo gli ultimi posti infondo alla sala appena in tempo per accorgerci che un corpo nudo sta avanzando verso il palco, sale e si gira verso di noi mentre una voce fuoricampo cita Itziar Ziga autrice di “Devenir Perra”.
Slavina alza un sopracciglio e ci lancia un sorrisino furbo che dice “èh si, eccomi qua”, tutta ignuda e senza disagio, ti trasmette una sensazione piena e propria solo di chi ha fatto totalmente pace con il proprio corpo.
Ma adesso che fa? Balla, ci farà ridere?
Lei si presenta e nemmeno ci fai più caso che è nuda… e poi la sua voce è così bella…
scoppiamo a ridere quando indossa una parrucca bionda e uno le urla “Sembri Donna Summer” e la sua risposta pronta è “Mah, mi sa che sei daltonico…”

al Magazzino47 di Brescia (foto di Pamela Marelli)
al Magazzino47 di Brescia (foto di Pamela Marelli)

Continue reading SONO STATA A UN CABARET POSTPORNO – e da allora continuo a pensarci… (di Grazia Marostica)

mi Relato Marrano…

Date la vuelta.
Quiero mirarte a los ojos mientras te la meto.
Quiero escuchar tu voz que se hace pedazos, tus ojos apretarse con estrépito, tu espalda enarcándose mientras se te para el aliento.

Levanta las piernas y hazme sitio.

(imagen guardada de un tumblr que ya no existe)

Así empieza Las apariencias engañan, el primer relato que he escrito sin pasar por mi lengua madre (to’ un desafio, nenas…)

Es parte de una obra colectiva, Relatos Marranos, que dos curadoras y una editorial muy valientes están intentando sacar a la luz gracias a una financiación participativa (un crofandin de los de toda la vida, vamos 🙂 ).

Junto conmigo hay muchas otras marranas que han escrito e ilustrado y producido arte postpornografico para componer una pequeña joya que os dará que pensar, discutir… y follar como no habeis hecho nunca antes.

Faltan 10 dias para que la campaña se cierre, y todavia necesitamos patrocinadores y patrocinadoras que financien el libro por adelantado. Su confianza nos permitirá pagar la imprenta, y sin ella no habrá libro ni na…

obra de Mery Sut para Relatos Marranos

Relatos Marranos legará para calentarnos las Navidades, acompañarnos en las noches frias del invierno y encendernos dentro la primavera del sexo fuera de convenciones, costricciones, reglas y obligaciones.

Yo me muero de ganas de tenerlo entre las piernas!!!!!
(pardon, las manos, queria decir las manos)

** la spedizione in Italia non suppone un sovrapprezzo, e se ancora parlate poco lo spagnolo vi assicuro che questa sará una maniera eccellente di impararlo meglio 😉

gira voce che…

sublevate

lei si chiama Nadia Granados, è una performer e attivista colombiana e su questo blog giá raccontammo di lei, in un articolo dedicato alla scena postporno del centro e sud America.

nei panni de La Fulminante, Nadia è una delle punte di diamante del postporno a livello mondiale.

con emozionato orgoglio posso annunciarvi che – se tutto va bene – presto sará in Italia, per presentare il suo cabaret esplosivo in un lubrico featuring con la scrivente.

questo è il primo video che abbiamo tradotto in italiano per presentarla a chi avrá il coraggio e la fortuna di conoscerla.
si chiama Schifo e sangue (anche di questo avevamo giá parlato) e la sua visione – come quella di tutti i video di questa artista – è riservata a menti adulte.

http://vimeo.com/78682598

(per sapere dove, come e quando stay tuned)

Geometrie non euclidee

un nuovo week end post-porno e vegan ad Ada-lab!

foto di Simona Pamp, courtesy Le ragazze del porno
foto di Simona Pamp, courtesy Le ragazze del porno

Dalla sera di venerdí 15 al pomeriggio di domenica 17 novembre ci incontriamo per sperimentare insieme i linguaggi del desiderio e le politiche del corpo, alla scoperta di forme non convenzionali di sessualitá.

PROGRAMMA

venerdí 15 sera
accoglienza, cena e visione collettiva di materiale postporno con discussione

sabato 16 mattina
laboratorio di poesia pratica – dire, fare, baciare: la via poetica alla realizzazione dei desideri
(confronto e sperimentazione su formati di scrittura finalizzati all’espressione erotica)

sabato 16 pomeriggio
laboratorio di contrasessualitá – forme collettive di piacere al di lá dell’eteronorma
(che cos’é l’amore queer? come riconoscerlo, alimentarlo, praticarlo? scopriamolo insieme attraverso il gioco)

sabato 16 sera
spazio libero di feedback delle esperienze della giornata, cena, preparazione Brunch Drag Cabaret

domenica 17
vegan brunch in drag (aperto al pubblico, gradito dresscode metamorfico F to M, M to F, F to F, M to M e chi piú ne ha piú ne metta)

**a proposito di aperture, nel laboratorio sono benvenuti i biomaschi

la quota di partecipazione è di 55 euro e comprende anche vitto e alloggio.
[ci sono dei letti ma non basteranno per tutte e tutti – e il modello acampada non ci dispiace (e non è cosí scomodo)]
se hai esigenze specifiche di alimentazione o sistemazione per la notte, faccelo sapere!

se avete dubbi o domande potete scrivere a
adalab@autoproduzioni.net

se invece volete iscrivervi al laboratorio, mandate una breve lettera di presentazione in cui spiegate perché vorreste partecipare.