il porcoddio dei ricordi registrati

mai come in questi giorni comprendo l'ira bonaria del mio amico fabrizietto che in tempi passati, ogni volta che mi incontrava se ne usciva prima o poi, invariabilmente, con l'affermazione: ma che cazzo fai co quella telecamera sempre in mano?
e rendo involontario omaggio a quella stronza di ingrid bergman che quando le chiedevano qual'era il segreto della felicita' rispondeva dalla sua villa svizzera: la cattiva memoria.

ebbene se io, con uno sforzo costante e con l'acquisto di un biglietto aereo da 20 euri per Barcellona sono quasi riuscita ad imparare a dimenticare, la mia telecamera purtroppo (o per fortuna) no.

parlo della mia hi8 da battaglia, quella che m'ha seguito negli anni della formazione (formazione de che ancora non s'e' capito ma andiamo avanti che e' meglio…)
dicevo questa mia puta amatissima hi8 in questi giorni m'ha restituito ricordi che ero riuscita a occultare abbastanza bene sotto il tappeto dell'inconscio.

eventi piu' unici che rari, momenti di emozione estrema, sguardi irripetibili… mi sono beccata una bella serie di cazzottoni nella panza e scappellotti dietro il collo, mentre seduta davanti al mio vecchio compiuter del lavoro rivedevo la mia vita scorrere scema e stronza e infame
e a volte bellissima.

(stavo preparando il video-bio-set per la performans di domani)

e magari di questo post non si capisce un cazzo ma non fa niente.

e' un'ora che mi ascolto a randello Lyla dei CocoRosie e ho smesso da appena dieci minuti di piangere sul latte, le cassette e la vita che ho versato.

non avrei potuto scrivere qualcosa di sensato manco se avessi voluto.

One thought on “il porcoddio dei ricordi registrati”

  1. un pomeriggio devo trovare il coraggio e rivedermi i girati di londra con serina, alessandra, vix e loop. il biondo c’era ancora, ma non li’

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *